12-02-2015

COME CAMBIARE FACCIA AL TUO BALCONE IN CINQUE MOSSE

Come promesso, eccoci al primo articolo di questo blog. Ti ringrazio per l´attenzione che mi dedicherai e spero che le notizie racchiuse in questo post ti tornino utili.




COME CAMBIARE FACCIA AL TUO BALCONE IN CINQUE MOSSE

Come promesso, eccoci al primo articolo di questo blog. Ti ringrazio per l’attenzione che mi dedicherai e spero che le notizie racchiuse in questo post ti tornino utili.
Essendo all’inizio vorrei partire dalle cose piccole, senza necessariamente arrivare a terrazzi lussuosi o giardini faraonici… tranquillo! Poi parleremo anche di quelli!
Parlerò quindi dei balconi. Si, i poveri, bistrattati, orrendi balconi… Appunto.
Prima di cominciare, vorrei sottolineare quanto spesso i balconi siano spazi sprecati e male utilizzati, di pochi metri quadri, che spesso finiscono trasformati in banali ripostigli.
Ci tengo a concentrarmi su questi aspetti sin da subito, poiché soprattutto per i giovani, spesso è difficile disporre di abitazioni con spazi esterni generosi, quindi invece di relegare il balcone a umili scopi perché non trasformarlo in un luogo accogliente o magari addirittura farne la ciliegina sulla torta di casa tua?
Se seguirai i pochi consigli che sto per darti vedrai che sarà un gioco da ragazzi… o quasi!
Il primo consiglio è da considerarsi più come un imperativo: via scope, strofinacci, secchi vari e stendini… smettila di considerare il tuo balcone come il luogo dove accatastare tutto ciò che non vuoi tra i piedi in casa e inizia a considerarlo parte integrante dello spazio abitativo. Vanno previsti degli appositi contenitori dove riporre gli strofinacci e i detersivi quando inutilizzati: un ottima soluzione potrebbero essere un armadietto (non di quelli in resina tristi del brico…) oppure una cassapanca in grado di svolgere anche la funzione di seduta facendoti risparmiare spazio. Trovarne di belli in giro è un po’ difficile, quindi se non sei un asso del bricolage il mio consiglio è di rivolgerti a un bravo falegname. L’ordine è d’obbligo quando lo spazio è poco quindi datti da fare e fai sparire di mezzo tutto! Hai fatto ordine? Ok. Adesso è il momento di cominciare a fare sul serio.
Partiamo dal pavimento. Trattandosi di pochi metri quadri puoi cavartela con una spesa esigua, ma il risultato che un decking in legno ti darà è impareggiabile.
Ci sono in commercio piastrelle di varie essenze, più o meno pregiate adatte anche al fai da te, pronte per la posa.

Poi a questo punto devi farti una domanda: che utilizzo farai del tuo balcone? Se lo spazio lo consente, un piccolo tavolo con due sedie sarebbe il caso di non farselo mancare… immagina una colazione al sole la domenica mattina o una cenetta al lume di candela. Ci stai ancora pensando? Sul mercato ci sono prodotti per tutti i gusti, ma da sempre Emu si distingue per il design e la resistenza dei suoi arredi, nondimeno per gli ingombri contenuti di alcuni modelli che ne consentono l’utilizzo anche in spazi non particolarmente generosi e sono richiudibili per fare spazio nei momenti di non utilizzo.
Continuando con i consigli, un ottima soluzione che arreda alla grande e in più ti protegge dagli sguardi della vicina curiosa potrebbero essere dei grigliati frangivista in legno trattato appositamente per esterni, che si possono trovare nei negozi specializzati o possono essere realizzati artigianalmente su misura… magari dello stesso colore del pavimento e dell’armadietto!
Altra componente che non va trascurata è l’installazione di una tenda da sole. In commercio ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche, ma diciamo che se vuoi ottenere un risultato che oltre ad essere bello esteticamente, sia anche duraturo nel tempo e resistente all’usura e agli agenti atmosferici è il caso di rivolgerti ad aziende specializzate che sapranno consigliarti sulla tipologia di tenda più indicata alle tue esigenze. Ci sono aziende, come la Pratic che producono tende di altissimo livello sia dal punto di vista costruttivo che del design.

Concluderei parlando delle tende da sole, che devono necessariamente essere previste a protezione degli arredi e delle persone, ma prima di salutarti voglio soffermarmi un momento sulla questione piante: sai benissimo quanto sia bello un balcone con delle piante rigogliose, ma per la scelta di queste ultime dovresti affidarti all´aiuto di una persona esperta che ti sappia consigliare anche secondo le tue capacità: noi affronteremo questo argomento in uno dei prossimi post, come anche l’illuminazione, che spesso si limita a una lampadina sopra la finestra…sigh!
Comunque tutti i temi affrontati in questo post saranno approfonditi nelle prossime settimane...
Tu continua a seguirci, mi raccomando!

Se credi che non sia un lavoro alla tua portata per mancanza di tempo, delle attrezzature o non ti senti in grado di realizzare ciò che vorresti, non disperare. Per questo ci siamo noi.
Un team composto da progettisti, installatori e artigiani farà tutto il lavoro, lasciando a te soltanto il gusto di godere come un riccio del tuo nuovo e ritrovato balcone.
Contattaci e i nostri esperti confezioneranno per te un offerta irresistibile… o vuoi restare con lo sgabuzzino a cielo aperto?

Stay Open


terrazzo 2
terrazzo 3

< Tutti agli articoli


scroll to top